WilliamsProgetti
UN ALTRO CHEF STELLATO SCEGLIE WILLIAMS

La refrigerazione Williams nel ristorante dello chef Marcus Wareing

Il progetto

Per la ristrutturazione del ristorante che oggi porta il suo nome, lo chef stellato Marcus Wareing ha scelto i sistemi di refrigerazione Williams.
Il ristorante si trova all’interno dell’hotel Berkeley a Londra e per l’ideazione del progetto è stata scelta la società di consulenza CHR Food Service Equipment.

"Lavoro qui da dieci anni e questa è la prima ristrutturazione. Sino ad ora abbiamo continuato a lavorare con le attrezzature disponibili” afferma lo chef Marcus.
"Abbiamo seguito direttamente tutte le fasi del progetto ed è stato molto interessante. Siamo riusciti ad avere prodotti a ridotto impatto ambientale che ci consentono di risparmiare energia e consumi. Un requisito per noi molto importante. L’impegno green che ha sempre contraddistinto Williams, è stato un aspetto fondamentale nel processo di selezione”.

In accordo con la filosofia Greenlogic, Williams si impegna a ridurre l’impatto ambientale non solo attraverso i prodotti, ma anche nella gestione della produzione e di tutti i processi aziendali.
Ad esempio, il pannello di controllo CoolSmart assicura un controllo completo e preciso della temperatura, riducendo al minimo le dispersioni di energia fino al 15%. "La possibilità che i prodotti consumino energia solo quando in funzione è fantastico”, continua Marcus.
“Allo stesso modo, è fondamentale avere prodotti semplici da utilizzare, specie in un ambiente frenetico come la cucina di un ristorante. Cercavo dei prodotti di cui non dovermi preoccupare e Williams è stata in grado di soddisfare perfettamente le mie esigenze.”

I frigoriferi Williams sono dotati di un panello di 75 mm in poliuretano che garantisce un eccellente isolamento termico e possono lavorare in ambienti con temperatura sino a 43°. La loro struttura, estremamente robusta, è realizzata  interamente in acciaio inossidabile.
“Gli chef, sempre indaffarati e di corsa, urtano e trattano con poca cura le varie attrezzature in cucina. Anche se messi a dura prova, i prodotti Williams resistono perfettamente”.

La fornitura

L’intero sistema di refrigerazione nella nuova cucina è posto sotto il piano di lavoro.
Williams ha fornito in tutto otto unità, un mix di modelli a due e tre porte con moduli sia per  stoccare che congelare.

"Non volevo prodotti più grandi di quelli che avevamo e ho chiesto che tutto fosse su un unico livello per poter vedere quello che accade in cucina” afferma Marcus.
La flessibilità è un fattore chiave nella progettazione dei prodotti, in particolare
quando ci sono limitazioni di spazio. “I frigoriferi Williams permettono un’ampia varietà di configurazioni perchè si adattano perfettamente anche agli spazi più ridotti", continua Marcus.

"In cucina abbiamo frigoriferi a porta, ma anche con cassetti, perché è importante sfruttare al massimo lo spazio disponibile utilizzando diversi compartimenti. In questo modo gli chef hanno tutto comodo e a portata di mano”.

Nella cucina del piano terra Marcus ha scelto un abbattitore con congelatore Williams che può raffreddare gli alimenti passando da 90° a 3° in soli 90 minuti, a differenza di tutti gli altri modelli che possono gestire alimenti sino ad un massimo di 70°.

Il pannello di controllo Easy Blast WEB 1-2-3 semplifica ulteriormente l’utilizzo. Bastano tre semplici passaggi per avviare il ciclo di raffreddamento o congelamento. Si può selezionare una delle funzioni raffreddamento soft, intenso o congelamento, impostare tempo e temperatura e premere start! Quando il ciclo è completato, si passa alla modalità di conservazione. Questo permette di mantenere gli alimenti alla giusta temperatura sino a quando l'operatore è pronto a riprenderli.
"E' un prodotto molto versatile per la cucina. Raffredda rapidamente, passando da alte a basse temperature in pochissimo tempo. Basta riporre gli alimenti nel frigo e il gioco è fatto. Può lavorare come frigorifero, congelatore e anche abbattere. Un ottimo prodotto davvero!” ha concluso Marcus.

Guarda l'intervista
www.williams-refrigeration.co.uk

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share: